ALTRO CHE CORONAVIRUS. È LA VOLTA DEL 5G

Abbiamo visto quante morti e quanti dolori inferti a innumerevoli famiglie. Dopo eternit e alta velocità

Uno dei guai delle masse – fra i tanti – è avere la memoria corta. Eppure basterebbe fare piccole ricerche per sapere come media autorità e ‘scienziati’ dicessero come eternit o alta tensione, ad esempio, fossero non pericolose. 

Risale al 2019 un primo elenco di 120 Comuni italiani oggetto di ‘prove tecniche’ per le frequenze cosiddette 5g.https://www.infodata.ilsole24ore.com/2019/04/10/120-piccoli-comuni-saranno-coperti-dal-5g/

Alcuni di questi, come riporta l’Agi (Agenzia Stampa in capo all’Eni), si sono opposti, in attesa di studi che ne dichiarino l’assoluta innocuità. https://www.google.com/amp/s/www.agi.it/economia/comuni_no_5g-6544533/news/2019-11-16/amp/

In realtà è sperimentazione sulla salute della gente. I dati circa la ‘salubrità’ del 5g sono contrastanti. In ‘Letteratura Medica’ si necessitano 10-20 anni di sperimentazione prima di poter accertare se qualcosa, di chimico o fisico, possa nuocere alla salute o meno. 

La storia del posizionamento su colline per coprire vallate è una fandonia. Si tratta di usare delle vere e proprie cavie da laboratorio, ecco perché sono stati scelti Comuni a scarsa densità abitativa. Ad esempio, nelle Marche, Regione che conosco a menadito, è notizia di questi giorni che 3 sono i Comuni interessati: Genga -Grotte di Frasassi 2.000 abitanti, nelle colline della provincia di Ancona; Montegrimano 1.200 ab., in quelle pesaresi; Montegallo 500 ab., nell’ascolano.

Qualora i preposti, governativi e non, volessero verificare realmente l’efficacia tecnica, e non l’incidenza di eventuali NEOPLASIE TUMORI e MALATTIE varie, installerebbero queste antenne sulle guglie del Duomo di Milano (con copertura di milioni di utenti), su quelle della Mole Antoneliana a Torino, oppure aspetterebbero i risultati di quelle poste tra i grattacieli di quelle cloache umane chiamate Manhattan a New York o la City londinese, vale a dire su centri metropolitani, non in comuni rurali.

Ci sarebbe poi da chiedersi: Come, per la fibra ottica, che va sottoterra e non è pericolosa, le zone di provincia NON SONO STRATEGICHE, mentre per una controversa tecnologia, la quale secondo taluni studi sarebbe cancerogena, tutto di un tratto diverrebbero ‘conditio sine qua non’?

Ricordiamo che l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro include l’esposizione da radiofrequenze nel gruppo dei “possibili cancerogeni”.


C’è da augurarsi che le Autorità Locali (la cui locuzione è già di per se un ossimoro) perorino le istanze della gente comune, del Popolo, e non facciano i servili ascari di chi li ha posti in certi ruoli.

Qui non si tratta di essere oscurantisti, la questione è sempre una: “OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO”.
Principio che dovrebbe valere nella Giustizia, come – appunto – nella Salute Pubblica.

 
Personalmente potrò credere che un ‘qualcosa’ sia determinato e certo, solo quando vedrò firme in calce di Scienziati, Rappresentanti delle Istituzioni, Sindaci dei micro-Comuni etc, i quali se ne assumano ogni responsabilità su eventuali conseguenze nefaste. Fino a quel momento resta il dubbio. 

© Riproduzione riservata.
La Redazione non è responsabile dei commenti espressi dai lettori e in nessun caso potrà rispondere per eventuali commenti lesivi di diritti di terzi, nemmeno se i commenti vengono espressi in forma anonima o criptata.

Emanuele Vecchi

Scritto da Emanuele Vecchi

Nato 50 anni fa (anche se ne dimostro di meno) a Sassoferrato (An) nei pressi dell'antica 'Sentinum', teatro nel 295 A.C. della 'Battaglia delle Nazioni'. Cresciuto e vissuto in quel comprensorio interno della 'marca anconetana', tra le 'Grotte di Frasassi' (Genga) e la 'Città della Carta' (Fabriano). Dal 2004 trasferito, sempre nelle Marche, lungo la costa adriatica a cavallo delle province di Ancona e Pesaro.
Praticato ciclismo agonistico da 8 a 18 anni, quindi altre diverse discipline, essendo visceralmente amante dello sport.
Ufficiale dell'Esercito per 3 anni, in congedo con il grado di Tenente, ora Capitano riservista.
Da ragazzo-studente ho collaborato con diverse testate locali.
Professionalmente mi sono occupato di Personale e Organizzazione, Relazioni Industriali, Controllo di Gestione e ora, da oltre 15 anni, di Commerciale-Vendite.
Due delle intuizioni che mi appartengono: la fallacia del Marketing, a seguito di un Master di 2° livello; il funzionamento della moneta.
Mi interessa dell'Uomo, il suo eccesso; della Politica odierna, la sua mediocrità; della Geo-Politica, gli intrighi; della Società, le sue pieghe e le sue piaghe.
Credo che la Storia o è Ricerca e Revisionismo oppure non è; parafrasando Eraclito: "La prima vittima di una guerra è la verità", è siamo ancora nel secondo dopo guerra.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Un sinistro carnevale perpetuo

Ciampolillo grillino dentro