in

Libra Editrice vs La Torre, dir. Clemente denunzia: “Perché nessuna visibilità mediatica?”

(AVG) – CASERTA, 26 FEBBRAIO – Come riportato da Cronachedi, ha oggi preso il via il processo contro Augusto La Torre, capoclan di Mondragone, reo d’aver diffamato più volte il giornalista di Cronache di Caserta Giuseppe Tallino in una intervista online. La difesa di La Torre si è limitata a sollevare il difetto di competenza territoriale.

Immediato il commento del direttore editoriale di Cronache di Caserta, Ugo Clemente:

Stamattina, in un’aula semideserta del tribunale di Napoli, il boss Augusto La Torre era presente alla prima udienza del processo a suo carico per l’intervista in cui insultava ripetutamente il giornalista di Cronache Giuseppe Tallino.

Nel silenzio, tra l’indifferenza generale, questo cronista continua a fare il suo lavoro qui, in Campania, con tutti i rischi che ne derivano. Giuseppe non è mai stato sottoposto a misure di protezione. Eppure di minacce ne ha ricevute tante.

Segue poi una chiara descrizione dell’attuale stato della giustizia italiana:

È stato strano, stamattina, vedere a pochi centimetri da lui il boss Augusto La Torre circondato da una scorta di quattro agenti. Un’immagine che non dimenticherò mai perché più di ogni parola spiega come funziona l’Italia.

È stato strano notare che in aula, diversamente da procedimenti analoghi, non c’erano telecamere e giornalisti. Anche questo spiega come funziona l’Italia. Noi di Cronache ci siamo costituiti parte civile nel procedimento, con l’avvocato Gennaro Razzino. Giuseppe è difeso da Francesco Parente.

© Riproduzione riservata.
La Redazione non è responsabile dei commenti espressi dai lettori e in nessun caso potrà rispondere per eventuali commenti lesivi di diritti di terzi, nemmeno se i commenti vengono espressi in forma anonima o criptata.

Redazione

Scritto da Redazione

Redazione AVIG

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Coronavirus, Zaia: “Grazie agli operatori”

Opportunità di lavoro nella sanità campana